Crea sito
Home Blog sezione Bufale IL CARNEVALE DEI CAZZARI
IL CARNEVALE DEI CAZZARI PDF Stampa E-mail
Scritto da Gianluca Freda   
Mercoledì 24 Agosto 2011 09:52

 

repubblica

 

 

 

Di tanto in tanto, quando dolce e chiara è la notte e senza vento, faccio un sogno bellissimo, che è per me uno dei principali motivi per cui valga la pena di vivere. Sogno che in un futuro imprecisato, in uno scenario fantapolitico dai contorni indefiniti, l’Italia sia stata occupata da un esercito straniero rivoluzionario. Rivoluzionari veri, non gli zombi pagati dalla CIA e teleguidati tramite Facebook che abbiamo visto all’opera, in Africa e Medio Oriente, in questi mesi. La nazionalità dell’esercito rivoluzionario varia di circostanza in circostanza. A volte sono irakeni, a volte libici, a volte indiani Apache, ma non è importante. Nel mio sogno, i nuovi occupanti hanno fatto arrestare, quali traditori, mentitori e fiancheggiatori di assassini, tutti i giornalisti italiani, sia televisivi che della carta stampata, e si accingono a fucilarli in una grande piazza (che a volte è piazza del Duomo a Milano, altre volte è la Piazza Grande di Arezzo) in un radioso mattino di sole. Lo spettacolo è aperto al pubblico, che interviene numeroso e festante. Io arrivo tenendo per mano le mie bambine e le mie bambine sorridono. In una delle tante bancarelle aperte per l’occasione, ho comprato loro dei palloncini e dello zucchero filato, denso e bianchissimo.


La fucilazione è deliziosa. Tutti i traditori della TV e della stampa sono in fila su un lato della piazza, con la benda sugli occhi. Ci sono Ezio Mauro, Paolo Mieli, Piero Ostellino, Vittorio Feltri, Ernesto Galli Della Loggia, Marco Pasqua, insomma tutta la cricca nazionale di cazzari di professione al soldo dei conquistatori americani. Il capo del plotone di esecuzione (che a volte è Saddam Hussein, altre volte Geronimo) offre loro un’ultima sigaretta, ma Ezio Mauro rifiuta sdegnosamente, perché il fumo fa male alla pelle. Marco Pasqua solleva il pugno al cielo rantolando “Viva la libertà dei gay! Viva Israele”, ma nessuno lo sente.


Poi c’è un breve crepitìo di moschetti e i traditori si abbattono al suolo senza un gemito, crivellati dai proiettili, proprio come gli uomini, le donne e i bambini di Tripoli, della Palestina, dell’Iraq e di tante altre nazioni, un tempo felici e oggi trasformate in carnaio dalle loro schifose menzogne.


I bambini ridono e applaudono, in cielo non c’è neanche una nuvola.


Dopo lo spettacolo, porto le bambine a esaminare i cadaveri. Le piccole stringono i palloncini nella manina e si divertono un mondo. “Lo vedi, a papà, quel signore col cervello che gli esce dalle orecchie? Quello è Angelo Panebianco, che dalle pagine del “Corriere” strillava contro il pericolo islamico, senza dire che eravamo invece noi ad essere un pericolo per l’Islam. E quel signore dalle cui orecchie non esce niente? Quello è Gad Lerner”.


E’ un sogno ritemprante, che mi consente di affrontare con rinnovata energia la triste realtà quotidiana. E la realtà quotidiana è una realtà fasulla e artificiale, costruita a tavolino dagli assassini di cui sopra e ben rappresentata dalla della pagina del sito di “Repubblica” che vedete riprodotta qui sopra. L’ho salvata a futura memoria nella notte tra domenica e lunedì, quando la “diretta” di Repubblica sulla presunta conquista di Tripoli pubblicava senza sosta, una dietro l’altra, una sequela di fregnacce di dimensioni mai viste prima, più lunga della processione dell’Immacolata. Conoscendo i miei polli, sapevo bene a che gioco stavano giocando e per conto di chi, e così ho voluto conservare per i posteri un souvenir della loro maramalderia. Guardatela bene. Non c’è una sola notizia che si sia poi rivelata veritiera. Non c’è una sola voce su cui un solo membro di quell’accolita di cialtroni che si fregiano del pomposo titolo di giornalisti si sia preoccupato di fare qualche riscontro. Si prende per oro colato la fonte più inverosimile e inattendibile che sia possibile immaginare, cioè le dichiarazioni della banda di tagliagole al soldo degli USA che in quel momento, nella periferia Tripoli, stavano dandosi al saccheggio, all’omicidio e allo stupro. Sarebbe bastato dare un’occhiata alle fonti indipendenti di internet per rendersi conto che la conquista di Tripoli, la cattura dei figli del “raìs” (come lo chiamano loro), addirittura la cattura dello stesso Gheddafi (!) erano solo un mare di cazzate. Mentre “Repubblica” parlava delle false manifestazioni degli insorti nella Piazza Verde, secondo molte fonti nella Piazza Verde c’era Gheddafi, che rincuorava il suo popolo e lo incitava a non arrendersi alla bestialità dei nemici. Certo, anche questa era una voce da verificare, ma appunto, sarebbe valsa la pena di verificare anche quella anziché pubblicare le sole idiozie partigiane. Ma il fatto è che questa gentaglia non è pagata per controllare le fandonie che gli vengono propinate dalle agenzie di stampa statunitensi. Sono sicari. Sono pagati per vomitare su internet, sui giornali e sulle TV le oscenità fasulle inventate dai loro padroni così come sono, senza minimamente verificarle, senza approfondire, senza riflettere. Il loro lavoro è quello di disinformare, di assassinare preventivamente per via mediatica i popoli che poco dopo le forze anglo-franco-statunitensi si incaricheranno di sterminare fisicamente con le bombe. Questo è il lavoro da banditi che sono pagati per svolgere e – se posso fargli un piccolo complimento – lo svolgono benissimo.


Proprio durante la messinscena della “presa di Tripoli”, abbiamo saputo da Thierry Meyssan, Mahdi Nazemroaya, Lizzie Phelan, Franklin Lamb e altri reporter indipendenti che i “giornalisti” della CNN - dai cui servizi “Repubblica” e il resto della carta da cesso italiana trae gran parte delle proprie informazioni – sono in realtà agenti della CIA e dell’MI6 sotto copertura, che hanno esplicitamente minacciato di morte i giornalisti non allineati nel caso in cui avessero rivelato la messinscena. E che li tengono sequestrati nel loro Hotel, dopo aver fatto appostare uno stuolo di cecchini nei palazzi circostanti, affinché non possano uscire a vedere cosa realmente sta accadendo fuori. I cecchini sono la grande strategia segreta dell’impero americano. Sono loro che ammazzano i passanti, i poliziotti, i giornalisti, le persone innocenti la cui morte sarà poi attribuita alla crudeltà del “regime” da abbattere.


Guardate bene questa schermata di “Repubblica”.


Chissà se quegli anticomplottisti mentecatti, che iniziano a ragliare come somari in fregola ogni volta che scoprono nell’articolo di qualche blog una virgola fuori posto, hanno qualcosa da dire anche su questa valanga, su questo autentico tsunami di fandonie campate in aria. Se un qualunque blogger, nell’arco di poche ore, avesse scritto sul proprio sito anche solo la decima parte di queste panzane, avrebbe dovuto cessare l’attività la mattina seguente e andare a nascondersi sul Kilimangiaro. Chissà se gli attivissimi, i pieroangeli, i dieghicuoghi, i pirloni dell’anticomplottismo filoebraico coatto hanno qualche commento da fare sull’attendibilità dei media le cui versioni ufficiali e i cui viaggi nella Luna difendono con tanto fervore.


Guardatela bene.


In essa la notizia dell’arresto di Gheddafi e del figlio Seif (la cui unica fonte, lo ricordo, erano le chiacchiere a ruota libera di un bandito) viene confermata addirittura dal Tribunale Penale dell’Aia, altra banda di criminali internazionali che ha dimostrato platealmente in quest’occasione quale sia il suo livello di credibilità.


 

In questo senso è davvero stupenda la risposta data da Seif Gheddafi al drappello di allibiti giornalisti che se lo sono visto comparire davanti dopo averlo dato per due giorni nelle mani dei cosiddetti “ribelli”. Uno dei suddetti leccapiedi anglo-americani lo ha inseguito col microfono, ricordandogli che contro di lui è stato spiccato un mandato di cattura da parte della Corte dei Criminali Internazionali per i consueti “crimini contro l’umanità”. Seif ha risposto semplicemente: “E chi se ne frega”.


Quale che sia il suo futuro destino, la mia invidia e la mia ammirazione per lui sono senza confini.

Commenti

avatar Fedor79
0
 
 
La prima parte dell’articolo è veramente orgasmica… Questi giornalisti fanno schifo: per loro la foto di un uomo che saltella con mitra della Lego in mano si traduce in “Tripoli è in mano ai ribelli”. Per adesso l’unica azione degna di considerazione di questi immondi ribelli è aver decapitato la statua di Gheddafi e di aver imbrattato il monumento (che mi piaceva da morire…maledetti!) del pugno che stritola l’F16 americano… Sai che conquista! Queste esaltanti imprese degne di un liceale in vena di vandalismi sembrano bastare a Repubblica, dove sono tutti entusiasti per queste prodezze: hanno addirittura pubblicato un video intitolato “preso l’aereo di Gheddafi” dove si vedono quattro sottosviluppati farsi foto vicino ad un aereo parcheggiato in un aeroporto (che potrebbe essere quello di Dubai per quanto ne sappiamo). Per questi grandi giornalisti questo equivale ad impossessarsi di un aereo. Chissà quanti che si sono scattati una foto a Malpensa possono ora vantarsi di aver conquistato lo scalo milanese.
Su Saif c’è poco da dire: lui e suo padre sono due eroi che non siamo abituati a vedere in Italia, difendono il loro Paese, sono amati dal popolo che non teme di farsi vedere festante assieme a loro e in questo momento rappresentano il dito nell’occhio della “comunità internazionale”.
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Andrea
0
 
 
Anch'io mi sono masturbato con la prima parte... e l'ho trasmessa a Gianfranco La Grassa, che sogna le stesse cose da sempre.
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar alexfaro
0
 
 
caro Gianluca condivido quasi totalmente il tuo articolo, è proprio vero che oggi i giornalisti veri non esistono più(se sono mai esistiti)sostituiti da un branco di "velinari" ignoranti come puzzole(chiedo scusa al nobile animale x il paragone)strapagati, stracoccolati,dal potere politico-economico mediatico, insomma una "casta" nella "casta" però qualche voce isolata quanto vuoi forse esiste ancora(non faccio nomi, perchè credo che su questo argomento, forse non la pensiamo uguale)
un saluto
alexfaro
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar alexfaro
0
 
 
comunque Seif Al Islam mi diventa sempre più simpatico di ora in ora, ancora di più di Muhammar padre,non parliamo poi di Khamis il quale deve avere 9 vite come i gatti(he he)infatti ormai ho perso il conto di quante volte lo hanno dato x ucciso(quante sono 5/6 boh?)anche questo ragazzo di 27 anni deve avere dei "cabbasissi" (come scrive Camilleri) mica da poco.
un saluto
alexfaro
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar ws
0
 
 
a proposito di"giornalisti" segnalo questo articolo della versione inglese della pravda ( il migliore giornale russo in inglese )
http://english.pravda.ru/world/asia/24-08-2011/118842-western_journalism-0/

e segnalo anche il fatto che giusto 10 minuti fa il tg5 ci ha mostrata una fighetta delle sue in diretta dalla " piazza verde" tra " il popolo festante " ..:-)
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar sal
0
 
 
sembra proprio che i libici conoscano e lo mettono in opera il proverbio siciliano:
'calati juncu che passa la chiena'.
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Andrea Rossi
0
 
 
Repubblica fa veramente vomitare, il tipico quotidiano dei ricchi di sinistra fancazzisti che si masturbano tra Capalbio ed i salotti romani, un giornale nemmeno buono per incartare le uova, ora sto ascoltando il Tg1 mio malgrado, questi giornalisti sono delle merde umane, non ho altre parole.

Andrea Rossi
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar eurasia
0
 
 
Pienamente d'accordo.
Consentimi un consiglio : evita di guardare TG1 e similari, di fegato ne abbiamo uno solo.
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar gianni
0
 
 
a proposito di giornalisti: si sta montando la canea mediatica sui giornalisti "intrappolati" all'hotel rixos di tripoli. Scommettiamo che dopo un feroce conflitto a fuoco rimarranno a terra un paio tra i gioranlisti diciamo "alternativi" mentre quelli della cnn e della bbc (in realtà agenti segreti della cia e del mi6) racconteranno del loro martirio e dei crudeli soldati di gheddafi?
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar elleerre
0
 
 
Non avete visto Sky TG 24...

Mi spiace solo di non trovare una mail della direzione, altrimenti gli girerei il link a questo articolo. Gentaglia senza onore e spina dorsale. Mi domando come facciano ad accarezzare i loro figli con le stesse mani con cui sfogliano le luride veline che ci propinano come "notizie".
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Marcs
0
 
 
tra l altro anche il video di tripoli era un falso
http://coriintempesta.altervista.org/blog/la-bufala-della-liberazione-di-tripoli/
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Ema
0
 
 
il tg3 in tanti lo considerano un telegiornale di sinistra, il più slegato dai poteri forti, si dice. Spero abbiate seguito qualche servizio di oggi: ho sentito addirittura che "i cecchini di Gheddafi sono impazziti e girano per la città, quindi la gente deve armarsi come può." Ora, al di là della fesseria dei cecchini pazzi in giro, mi chiedo: ma perchè la gente deve armarsi come può, i ribelli non avevano preso la città?
Questo per dire che al di là del nostro interesse per queste nostre fonti più difficili da raggiungere, anche la semplice logica potrebbe permettere di capire che i tg nazionali e i principali quotidiani stanno facendo un casino della madonna. Non è questione di complottismo o non complottismo; si tratta di logica.
PS: Gianluca su faccialibro mi è toccato difenderti, qualcuno ti ha definito pallonaro, portando come prove l'articolo sulla strage norvegese;) AHHA

E.
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Gianluca Freda
0
 
 
Il TG3 E' DAVVERO un telegiornale di sinistra. E' per questo che fa così vomitare.

Grazie per la difesa su Facebook, ma non ci perdere il sonno. In questi giorni, nel tentativo di reperire qualche informazione indipendente, mi è toccato frequentare anche i social network. Posso dire di non aver mai visto simili concentrati di miseria intellettuale ed umana, di superstizione, di credulità acefala. La stragrande maggioranza degli utenti dei social network sono l'umanità al suo più infimo livello. Gente che non merita non dico una replica, ma neppure il diritto alla vita.

(GF)
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Mondart
0
 
 
Eh eh ... tento un' interpretazione tra il serio e il faceto di questa tua "fantasia ad occhi aperti", ( in quanto non di sogno si tratta, perchè le immagini sono poche, troppo ben definite e connotate, e seguono una logica troppo lineare ... )

Comunque: l' immagine più "vera" è quella delle bambine ( noi, la platea a cui ti rivolgi nel tuo immaginario ), e ci dice che, pur orso quale sei, in fondo hai un cuore d' oro. Grazie, papà.
Interessantissima la contrapposizione tra i palloncini e lo zucchero filato ( la tua parte materna, quella che "coccola" la platea ) ed il particolare un po' macabro in cui induci le bimbe a "controllare i crani spaccati dei giornalisti" ( immagine più aggressiva, la parte più maschile ed "orsa" che entra nella tua comunicazione e nel tuo modo di scrivere: un agrodolce in cui la parte "mayeutica" si fonde con un piglio molto pragmatico, quasi brutale nel suo intento di "metterlo in zucca" alla tua platea ideale ).

Interessante poi il fatto che le piazze ove avviene la fucilazione ricordino i luoghi dell' infanzia e degli studi, ma non gli attuali luoghi di residenza: uno spostamento all' indietro che indica il lavoro di superamento edipico del ruolo dell' "Autorità" ( le piazze simbolizzano i luoghi dell' autorità prima familiare e poi delle istituzioni ) ... superamento che giunge a maturazione con la "festosa fucilazione" ad opera di un "geronimo" ( tu stesso ) che indica in modo inequivocabile la forma mentis che assumerà tale processo di superamento, e andrà a costituire la "tua" parte autoritaria: un po' militaresca, ma tutto sommato ben bilanciata da parti amorevolmente femminili: la festa, il cielo terso e senza nuvole, i palloncini, lo zucchero "bianco e denso" ... e anche l' offerta dell' ultima sigaretta. ... che sono quasi tutte immagini di "nutrice", appunto: lo zucchero denso e bianco psicologicamente altro che latte, l' alimento per antonomasia, l' offerta del seno da suggere ( ti prego, prima fatti la ceretta ! ) ...

Un' "Autorità" che sfugge dunque da qualsiasi tentazione di sadica rivalsa, di applicazione brutale dell' aggressività, che viene invece del tutto convertita e sublimata nell' aspetto "mayeutico" ( il mostrare i crani alle bimbe ); un' autorità positiva, dipinta a tutto tondo con tinte chiare e solari; un' autorità che "vuol far crescere" ... e non a caso forse la scelta dell' indirizzo di studi entra in questo contesto, non a caso le piazze sono quella di Arezzo e di Milano, appunto.

Anche la rappresentazione della morte è incruenta, silenziosa, senza sangue, senza un lamento ... i giornalisti si abbattono "senza un gemito", quasi come in una fiaba, come in un fumetto ... E qui si vede forse l' uso un po' eccessivo del meccanismo di rimozione ... come rimozione c'è in ogni fiaba che si racconta ai bambini, le fiabe sono fatte appunto per rimuovere ... tiro a indovinare: una rimozione eccessiva dell' aggressività che dipinge un quadro fiabesco e non reale, quasi a voler rimanere nell' illusione che il "liberatore" ( tu stesso, l' esercito straniero, Geronimo ) sia assolutamente "senza macchia", come il cielo terso e senza nuvole che segue all' esecuzione.

Insomma, il "Principe Azzurro" di ogni fiaba, dove il male è completamente rimosso e spostato nel Cavaliere Nero ... insomma nel processo di cui si diceva ti e rimasta indigesta una parte di "nero, di oscurità", di "ombra" che difatti non compare mai in tutta la tua rappresentazione iconografica, sempre totalmente solare, chiara, dalle tinte ben definite ... gran bella cosa perchè ti dà quella carica iconoclasta a noi tutti ben nota, ma da valutare sempre in modo vigile, perchè può portarti ad un' eccessiva intransigenza ( il rischio insomma è quello di diventare il sergente che va in para per un bottone mal allacciato in un soldato della truppa ).

PS: ovviamente questo è solo un approccio semiserio e giocoso, mancando gli strumenti associativi e non verbali imprescindibili per una miglior comprensione del contesto onirico.

Ciao, spero che potrai fartici due risate leggendolo alla gentile consorte !

Mondart
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Mondart
0
 
 
PS: cfr: luce e ombra e loro significato iconografico:

http://php.graziacreative.com/creative/luce-ombra-e-loro-significato-iconografico.html
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Ema
0
 
 
Gente che non merita non dico una replica, ma neppure il diritto alla vita.

ahahaha questa è bellissima, la devo fa leggere ad un mio amico che la pensa proprio come te e me al riguardo. Comunque la storia del difenderti è una cavolatina, nel senso, è pieno di gente che quando citi blogger o giornalisti considerati scomodi te ne dice dietro due o tre... ma certo non ce ne facciamo un cruccio. E nemmeno ci perdo tempo.
Purtroppo i social network sono un bello specchio della società, rendono spesso al massimo l'immagine di come sia una società. Ovviamente non dobbiamo generalizzare e fare di tutta l'erba un fascio; non lo dico per salvare me, che li uso i s.n.; ma lo dico perchè possono essere un buon mezzo per veicolare anche amicizie interattive interessanti e iniziative buone. Il male è che queste due cose rappresentano il 2% di tutto ciò che circola sui s.n.

Per quanto riguarda il tg3 dici bene: è un problema, quando si usano parole come "sinistra", doversi ricordare che c'è un prima e c'è un dopo. Oggi rai3 è considerabile una rete di "sinistra" se si tratta della sinistra italiana di oggi, il cui massimo esponente è il PD. un po' come se si parla dell'Unità

E.
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Gianluca Freda
0
 
 
Ciao Mondart!
Mia moglie non ci ha capito un'acca, ma si è molto preoccupata e ha chiesto se conosci delle terapie. :D

In realtà il mio ideale inconscio non è il Principe Azzurro, ma un Cavaliere Nero che spazza via i nemici a frotte senza possedere un'ombra di cattiveria, solo perché ciò è necessario per il bene comune. Una specie di Lenin, insomma, che mette al muro centinaia di traditori senza provare il minimo odio né la minima soddisfazione, semplicemente perché è una cosa che va fatta.

(GF)
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Mondart
0
 
 
Sì, quella è la parte razionale ... ( anzi io ti vedo più come un capo indiano, o un' Amazzone, o un Tiresia ... ma non si preoccupi tua moglie, le tue bellissime tette che ci nutrono con abbondante latte mayeutico sono puramente psicologiche ).

Però IL DISEGNO ONIRICO ( insomma il tuo racconto ) è A PIENA LUCE; senza un' ombra, senza un chiaroscuro, come i disegni dei bambini, appunto ... grande purezza d' animo, grande ingenuità ( nel senso buono ), ma anche il pericolo di vedere troppo ideologicamente, o del permettere che l' ideologia prevalga su tutto ... insomma, il pericolo è di cadere nell' intransigenza stessa dei bambini ... ( questo intendo con rimozione eccessiva, che mi confermi con l' immagine del "Lenin che nulla sente" ) ... idea inconsciamente ripresa e riportata, toh, proprio nell' ultimo commento qui sopra di Ema:
"Gente che non merita non dico una replica, ma neppure il diritto alla vita." ... ecco, da lì, da una tale ideologia spinta al limite può scaturire il pericolo, soprattutto se condivisa in massa ( come allo stesso tempo può essere un formidabile "tiro" di propaganda ) ...

E questa è proprio la parte psicologica più fortemente rimossa ( che significa "attiva ma non completamente coscientizzata ): dai tuoi cadaveri non esce neanche una goccia di sangue.

... Tutto per amor di dialogo, off corse !! ... comincerei a tenerti d' occhio solo se diventassi un condottiero a tutti gli effetti, per cui mi propongo fin da ora a ricoprire la carica di consigliere personale.

Ciao, oggi il sole piccha forte qui !
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar pa
0
 
 
ATTENZIONE : segnalo che il sito del Réseau Voltaire, per cui lavora Thierry Meyssan, www.voltairenet.org, non è più raggiungibile da circa mezz'ora, e ciò è molto preoccupante
pa
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Gianluca Freda
0
 
 
Confermo. E' preoccupante davvero.

(GF)
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar masuc
0
 
 
io riesco a vederlo. ma sto navigando con la rete TOR
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Gianluca Freda
0
 
 
Ora lo vedo anch'io, è tornato in linea.

(GF)
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Gianluca Freda
0
 
 
E' davvero vergognoso che sia proprio Russia Today a scrivere certe menzogne:

http://rt.com/news/gaddafi-forces-foreign-journalists-033/

Proprio loro che hanno ricevuto direttamente dai giornalisti intrappolati nell'Hotel un rapporto preciso su come stavano le cose. Adesso dicono che sono le truppe di Gheddafi a tenere prigionieri i giornalisti. Ci sono i loro stessi servizi e le parole dei giornalisti in questione, da loro raccolte, a spiegare che le truppe lealiste sono lì per difendere i giornalisti presenti all'interno.

(GF)
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Mondart
0
 
 
Infatti sono rimasto molto sorpreso della risposta dell' altro giorno ( post precedente a questo ) del giornalista di Russia Today durante l' intervista a Messyan: "Ma se siete circondati dagli Americani, di cosa avete paura ?" ... Oh parbleu, mi sono detto, questo non può essere un semplice lapsus ...

E ho trovo fastidiosissimo anche lo stile incalzante ed asfissiante tipico dei nostri Tg.

"Lapsus" o "scuola" quindi ?
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Mondart
0
 
 
Beh attenzione, un server può andare in tilt anche per semplice sovraccarico, soprattutto considerando le attuali richieste verosimilmente altissime richieste d' accesso ed il fatto che non sia un network pensadato per un' alta copertura ...
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Gianluca Freda
0
 
 
Hai ragione, infatti il sito non è del tutto irraggiungibile, ma va e viene. Io ad esempio adesso l'ho appena aperto.

(GF)
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar pa
0
 
 
Freda, se il tuo Blogghete dovesse risultare "inaccessibile", magari per ragioni "di copyright"... hai pronto un piano b?
pa
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Gianluca Freda
0
 
 
Per la verità no, non ci ho mai pensato. Non ho mai creduto che il mio povero blog possa essere così importante da attirare addirittura le attenzioni della censura internazionale. Comunque, nella remota ipotesi, sarò su Luogocomune o su Comedonchisciotte con lo pseudonimo di Totalrec e vi farò sapere. (Non sono granché come stratega, eh?).

(GF)
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Mondart
0
 
 
Per quanto non creda alla censura dei singoli blog ( hanno più interesse ad usarli come "finestre di controllo" ), dovrebbe esistere nel pannello di Joomla una voce che permette di esportare un file XML dei contenuti sul computer. Da lì sarà agevolmente ricaricabile su un nuovo blog, anche se posto su piattaforma diversa ( Wordpress è quello che offre la maggior compatibilità ).

Tale lavoro però va fatto mentre il blog è ancora on-line, altrimenti ti saluto.

Alternativa più laboriosa, copiarsi tramite "salva pagina con nome" ogni singolo post ... in modo da non perdere i contenuti anche in caso di improvviso default.

La mia opinione personale comunque è che, mentre è molto comprensibile la manipolazione fatta su Facebook e simili ( sono in tutto e per tutto strumenti del potere, e per gli altissimi accessi di cui godono diventano formidabili veicoli di propaganda ) lo stesso discorso non vada fatto per i piccoli blog, che anzi anche una dittatura avrà interesse a minitorare strettamente ( hanno un' utenza praticamente irrisoria ai fini pratici ) e ad usare quali potenziali veicolatori di messaggi "virali" ... nonchè, nella peggiore delle ipotesi, quale strumento di delazione ( che pezzo volete di Freda ? Naso, coscia o ciliegione ? )

Utile anche il comodo "Tor Browser", browser di navigazione anonima col quale poter superare eventuali censure territoriali ( di ALTRI siti, non del vostro, e sempre che sia un' esclusione solo territoriale ! ) che tra l' altro ha il vantaggio di essere portabile ed assolutamente di facile configurazione.
Qui è spiegato come implementarlo sul computer:

http://php.graziacreative.com/creative/tor-browser-bundle.html
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Fedor79
0
 
 
Devo dire che però giornalacci e cartigeniche varie tipo repubblica e l’unità a qualcosa servono. Johnatan Swift diceva che riconoscere un genio è facile: basa guardare gli idioti che gli sbarrano la strada. Parafrasando potremmo dire che per riconoscere una bufala basta guardare gli idioti che la pubblicano. Leggere certi giornalacci aiuta molto a comprendere la realtà, si capisce dove tira il vento e cosa hanno in programma certi poteri, e si intuisce come sicuramente NON stanno le cose.
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Arbogaste
0
 
 
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Gianluca Freda
0
 
 
Da gilguysparks.wordpress.com

Tripoli (24.08.2011 – 13:30 a.m.)- L’unità missili lealista del rais sta ora sparando pesantemente razzi d’artiglieria sui golpisti e mercenari Nato intrappolati come topi dentro il compound di Bab Azizia.
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Arbogaste
0
 
 
Non per difendere l'unità e repubblica ma gli altri cessi (il giornale, il tempo, libero, panorama, l'espresso etc..) non sono da meno.
Diciamoli tutti i nomi!
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Gianluca Freda
0
 
 
E' vero, ma "Repubblica" è un emblema, un simbolo, la quintessenza della feccia che è il giornalismo italiano. E io ho bisogno di un feticcio concreto da prendere a schiaffi per non inveire contro i "giornalisti" in astratto. Non mi piace tirare cazzotti contro l'aria.

(GF)
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar pa
0
 
 
qui trovate l'ultima, spero per ora, intervista di T. Meyssan, di lunedì 22, in cui smentisce le fregnacce diffuse dai ratti di fogna ("siamo difesi dai soldati lealisti"...)
http://www.mondialisation.ca/index.php?context=va&aid=26169
pa
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Arbogaste
0
 
 
continua:

http://tg.la7.it/Esteri/video-i448899

Forze speciali francesi e inglesi in campo a fianco degli insorti
......
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Mario
0
 
 
Ho trovato questo video caricato da poco su Youtube.

http://www.youtube.com/watch?v=4NRjzyELkg8&feature=channel_video_title

( Google Translate - Nota: la NATO forze speciali sono a terra, e non più solo in aria ...

*****
Promemoria: ordine di sparare Thierry Meyssan e Mahdi Nazemroaya HAD beens dare, (22-08-11, giorno medio).
Offerto Five Stati protezione diplomatica, l'obiettivo non sono in grado di raggiungere le loro ambasciate.
Non abbiamo notizie da 'em, insieme a Julien Mathieu Teil e sincero Ozeron 22-08-11 alle ore 16:00.
Quelli a supporto investigatori indipendenti: [email protected])


--------------------------------------------------



Conversation téléphonique avec Guillaume Villardier, le 24-08-11 dans la matinée, une heure après son arrivée à Tripoli.

Les médias occidentaux étant toujours parti prenante, je vous laisse donc vous faire votre propre idée de la situation réelle ...

Note : Les Forces Spéciales de l'OTAN sont sur le terrain, et non plus simplement dans les airs ...

*****
Rappel : l'ordre d'abattre Thierry Meyssan et Mahdi Nazemroaya a été donné, (22-08-11, milieu de journée).
Cinq Etats leur ont offert leur protection diplomatique, mais ils ne peuvent pas atteindre leurs ambassades.
Nous sommes sans nouvelles d'eux, ainsi que de Julien Teil & Mathieu Ozanon depuis le 22-08-11 à 16h00.
Pour soutenir ces journalistes indépendants : [email protected]
*****

Phone call with Guillaume Villardier on the 24-08-11 in the morning, one hour after its arrival in Tripoli.

Meanstream medias use to take position with "rebels", so I let you make your own idea of the real situation ...

Note : NATO Special Forces are on the ground, and no more only in the airs ...

*****
Reminder : Order to shoot Thierry Meyssan et Mahdi Nazemroaya had been give, (22-08-11, middle day).
Five States offered them diplomatic protection, but the are not able to reach their embassies.
We have no news from them, together with Julien Teil & Mathieu Ozeron since 22-08-11 at 16:00.
To support those independant investigators : [email protected]
*****

Short summary : Road from Zawiah is not secured.

In Tripoli, nobody in the streets, check points every 500 meters, not a sign of "rebels" victory, lot of fights and explosions.

He tried to go to Bab Al Aziziya, Kadhafi's compound, supposed to be controlled by rebels, but couldn't because that's not true.

He said : "I can affirm the city is absolutely not secured".

And he finished with those words : "One thing for sure : Tripoli's battle is not finished".
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Arbogaste
0
 
 
aiutooooooo!!!:

TELECOM ITALIA
"L'indirizzo www.voltairenet.org non e' valido"
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar pa
0
 
 
Telesur ha appena comunicato che i giornalisti (compresi i loro corrispondenti) sono usciti dal Rixos, scortati dalla Croce Rossa
pa

http://www.telesurtv.net/
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar mat
0
 
 
la croce rossa non ha mai brillato per indipendenza, probabilmente li riconsegneranno sani e salvi ma faranno in modo che non possano operare il loro lavoro, almeno per alcuni giorni, che saranno decisivi e forse non saranno meno gravi di Falluja. Infatti il sito www.voltairenet.org dei giornalisti indipendenti non è più raggiungibile da alcune ore
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Gianluca Freda
0
 
 
Per il momento, vista la situazione, evito di dire ciò che penso della Croce Rossa e tengo le dita incrociate.

(GF)
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar mat
0
 
 
incrociamole pure, ma non credo che a questo punto possano esserci pericoli per i giornalisti, ma solo per le notizie.
a proposito GRAZIE per il grande servizio che offri con il blog !!!
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar E.
0
 
 
Per i quotidiani online risulta ora molto facile urlare che ci sono forze di terra della NATO o di Stati partner in Libia. facile perché ormai la punta della piramide dell'informazione occidentale (punta su cui abitano CNN, BBC..) ha diramato tale informazione.
Ora, al di là delle riflessioni sul perchè l'abbiano detto o che, mi viene da chiedermi una cosa che in pochi si chiedono: perché le persone che leggono/sentono queste notizie non si rendono conto che si tratta di ILLECITI INTERNAZIONALI? Se uno studia da un manuale-base il Diritto Internazionale, può rendersi conto che qui NON siamo in uno di quei casi in cui un INTERVENTO ARMATO straniero in un altro Paese (ora, la Libia) è lecito. Siamo nel crimine, oltre la LEGGE che a loro pare tanto di difendere.
Dal momento che la gente (non intendo te Gianluca, o i tuoi lettori) non si rende conto di questo, mi pare ovviamente inutile accennare al fatto che è altrettanto illegale che il CNT abbia messo una taglia sulla testa di Gheddafi, che va bene "anche morto".
E.
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Mondart
0
 
 
E' proprio quello che ho cercato di sottolineare in un commento precedente, paragonando tale pratica a quella del "signoraggio": un illecito che però viene "legalizzato" proprio in virtù di una "prassi condivisa e comunemente accettata". Da questo punto in poi non è più legalmente perseguibile.

Per questo servono i "rivoltosi" come "soggetto giuridico" legittimante l' attacco ( oltre che come espediente mediatico-giuridico: in questo caso, proprio come nelle finte dichiarazioni di "Debito Pubblico", i due aspetti si fondono ).

Non solo infatti l' esercito Nato può benissimo fare a meno, militarmente parlando, dell' azione dei rivoltosi, ma così può attaccare senza dichiarare guerra.
Il tutto diventa una semplice "strategia aziendale", poco legale, ma legittimata appunto dall' uso, come licenziare una persona che si ammala, per esempio ...

Infine: come riconoscere il debito pubblico quale tecnica truffaldina e ripudiarlo è fattibilissimo ed assolutamente NON PERSEGUIBILE, lo stesso sarebbe per i paesi "Volonterosi" non aderire a tali operazioni della Nato ... in quanto, ripeto, solo "legittimate dalla maggioranza", ma illegali in sè ...

Il fatto è che i "Volonterosi" ci marciano e ci mangiano ... e viene da chiedersi quali siano i vantaggi di culture opposte, che comunque non tolgono il loro veto ... boh
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar alexfaro
0
 
 
i giornalisti sono in salvo nell'hotel Corintia, meno male!
dai Rolando Segura di Telesur continua così!
un saluto
alexfaro
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar mat
0
 
 
La NATO viola pesantemente le leggi di diritto internazionale, inviando truppe di terra in Libia. D'ora in poi chiunque potra fare altrettanto con la stessa scusa !?!?!?
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Arbogaste
0
 
 
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar mat
0
 
 
il sito www.voltairenet.org è tornato visibile.... giusto in tempo per trattare la minaccia di morte in cambio di silenzio ??? chissà... i miei sono solo sospetti prendeteli solo come riflessioni ad alta voce
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar alexfaro
0
 
 
mat è da mò che le leggi internzionali sono violate dalla legge del più forte ed esattamente dall'affare Kossovo del 1999, infatti non x niente la Russia durante la guerra con la Georgia fece chiaramente capire agli IPOCRITI governi occidentali che sproloquiavano di diritto internazionale di stare zitti con una sola parola di Putin sstt :you remember Kossovo?
un saluto
alexfaro
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Gianluca Freda
0
 
 
Condivido. Il diritto internazionale esiste solo come feticcio dei forti di cui attribuire ad altri la violazione per giustificare aggressioni armate. Non è mai stato e mai sarà uno strumento di giustizia, ma solo di barbarie. La sua totale abolizione sarebbe un enorme passo in avanti per i rapporti tra gli Stati.

(GF)
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar alexfaro
0
 
 
in questo momento h18,30, Telesur con una grafica(molto particolareggiata) ha fatto la mia ipotesi su come si sono svolti i fatti della battaglia di Tripoli, questa analisi credo sia stata elaborata da un analista militare Messicano, che viene intervistato molto spesso, quindi avevo ragione! io ho dato i numeri nel senso che mi sono basato sulla capienza delle navi di cui parlo in altro post, caratteristiche che potete trovare qui:
www.naval-technology.com
un saluto
alexfaro
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar alexfaro
0
 
 
in questo momento h19 telesur sta trasmettendo la conferenza stampa congiunta di quel Napoleoncino in sedicesimo di Chouchou Sarkozy e di quel ratto di fogna di Jahlil(il quale ha propprio una faccia da ratto!) capo del CNT, ma questi hanno la faccia come il culo, ancora prima non solo di aver ucciso, l'orso, ma neanche essere entrati nel bosco x cercarlo, blaterano di dopo Gheddafi? ma da dove vengono da Marte?sono proprio fuori dai coppi!
un saluto
alexfaro
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Farazdaq82
0
 
 
Non sono affatto d'accordo, perchè - pur con i suoi limiti - il diritto internazionale è stato utilizzato in tante occasioni per difendere persone o gruppi etnici che altrimenti avrebbero finito col veder schiacciato ogni loro anelito di giustizia .
Non confondiamo il Diritto internazionale con la sua strumentalizzazione da parte dei paesi più forti.
E' uno strumento debole , è vero , ma è uno dei pochi che abbiamo
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar ws
0
 
 

se leggi un po di storia vedrai che immancabilmente il " diritto" ha funzionato solo laddove non c' era nessuno abbastanza forte da poter bastonare tutti gli altri .
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Farazdaq82
0
 
 
Ne ho letto tanta di storia , amico , e ti posso dire di non fidarti delle conclusioni semplicistiche ( "la legge del più forte" ), perchè la realtà è molto più complessa.
Molto spesso il concetto stesso di "più forte" è molto aleatorio, basta leggere un po' le Storie di Tucidide.
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar alexfaro
0
 
 
perfettamente d'accordo ws guarda caso, tutti gli stati che si sono fidati degli accordi diplomatici,,internazionali,stipulati con gli stati occidentali(insomma con gli USA-UK ecc...)vedi come sono finiti,e ce ne è una bella lista: Vietnam del sud, cambogia,Laos,URSS,Serbia,Irak,(ben 2 volte)Afganistan ed ora LIbia(ma ne ho dimenticato qualcuno sicuramente.
un saluto
alexfaro
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar TNEPD
0
 
 
Ciao, dico la mia perché ho l’impressione che ci sia qualcosa che non quadra…

Ci sono (o c’erano fino ad oggi) tre “giornalisti indipendenti”, asserragliati in un immobile in centro a Tripoli, un hotel che a dir loro pullula di agenti CIA, MI6 e Mossad travestiti da cameramen.

Questi stanno lì e nessuno li tocca, nonostante tutto il mondo sia convinto che siano sotto il fuoco delle truppe di Saddam… e riescono persino a collegarsi con le varie nuove “Al Jazeera” (RT, Press tv, etc..) e raccontare liberamente quello che nel frattempo, milioni di loro colleghi, stanno collaborando attivamente per nascondere.

Poi, la mattina, passa pure Saif a portare le brioches e, noncurante dei già citati agenti dei servizi segreti avversi (e dubito inoffensivi) che pullulano nell’hotel, si fa una chiacchierata coi tre per poi tornare in trincea.

C’è qualcosa che non quadra.

Il ruolo dei tre non è casuale, né fortuito ed evidentemente nemmeno sgradito.

Come, direi, il ruolo di Gheddafi e dei suoi parenti.

TNEPD
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Mondart
0
 
 
TNEPD ??? ... Ma non eri prigioniero in Africa, sotto stretto controllo di un contingente femminile armato fino ai denti con armi non convenzionali ?

Che bello risentirti ... sollevi un "quid" che per me equivale al mistero stesso di Internet ... a che scopo lasciarlo, se dà solo fastidio ?
Ma se si osserva nell' ottica "scacchistica" che una mossa non è mai fine a sè, ma sempre preparatoria della successiva, è ovvio che tutto questo casino, che lo stesso impiego sui due fronti dello stesso strumento internet è funzionale a qualche mossa successiva ... e qui più che mai la propaganda gratuita e sinceramente discutibile ( diventa un boomerang esplicito alla credibilità mediatica ) ha raggiunto il suo apice !

... Mossa eventuale che purtroppo sanno solo le teste fosforescenti dei capi ... e qui risolleviamo un argomento che io e Freda abbiamo dibattuto tempo fa, ossia se ci sia o meno una trama "a lungo termine" che possa rientrare nel concetto di NWO o in qualcosa di simile ... concetto sul quale le nostre posizioni differiscono leggermente ... ( vedi questo post) ...

Già che passi da queste parti, perchè non ci dai il tuo parere in merito ?

Mondart
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar TNEPD
0
 
 
Caro Mondart,

per quanto riguarda internet, direi che per la regia è infinitamente più utile che fastidioso.

In merito alla splendida discussione tra te e Gianluca, sottolineo che il problema operativo, fondamentalmente, in questo gioco è che alle comparse in cerca di un posto in locandina (cioè a noi) sono concesse armi spuntate che possono essere sfilate in qualsiasi momento.

Ora i blogger migliori si sentono forti, la loro condizione di nicchia sta divenendo uno status di cui andare orgogliosi. Ora sono inebriati dagli scampoli di consapevolezza a cui riescono ad accedere. Non so cosa succederebbe ai più qualora si trovassero a mani vuote, privi della loro “arma”, del loro mondo che equivale ad uno status interiore e sociale.

Quando i blogger si troveranno davvero soli di fronte ad un monitor spento, allora sì, dovranno imparare in fretta a fare i conti con sé stessi prima che col “nemico”.

Per questo mi sto un po’ disamorando della blogosfera. Perché mi pare che nessuno si stia preparando davvero, nella vita reale, a ciò che lo aspetta quando da lassù gli staccheranno la spina (in senso lato o in senso stretto).

Come reagiremmo una volta disconnessi? Come reagiscono gli uomini quando vengono privati del loro status?

Credo di sbagliarmi, ma direi che non contano le azioni degli “avversari” ma soltanto le nostre reazioni.

Basti pensare che per ottenere una reazione dai più, dalle anime più semplici, basterà toglier loro i soldi. E lo faranno. Ah, se lo faranno!

:-)

TNEPD
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Mondart
0
 
 
Ahhh, parbleu, gli stessi blogger, gli stessi contestatori diverrebbero gli alfieri stessi della rivolta che serve al sistema ... diabolico, ma terribilmente logico.
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar TNEPD
0
 
 
Ciao Mondart,

anche per me è una gioia leggere te e Gianluca (ed i suoi commentatori).

Vai molto in fretta …

Anzitutto credo sia necessario rendersi conto che i tre non sono lì per caso, che i quattro italiani “rapiti” non erano lì per caso. Bisogna farsene una ragione, se i cineasti mainstream hanno ricostruito una piazza intera (e la Luna?) possono imbastire qualsiasi messinscena…

Ws, in tutta evidenza, non si è mai trovato al centro di una piccola rivoluzione africana e può ancora credere che la sua propensione a non uccidere sia comune al genere umano in qualsiasi frangente.

Qui non siamo in un telefilm ammericano. L’unica chance è usare la testa. Allora mi chiedo: se io fossi in cabina di regia, permetterei a tre parvenus (circondati da miei sicari) di sputtanare il lavoro di milioni di dipendenti intorno al pianeta?

Se i tre “paladini” della verità parlano ancora, non vi è altra ragione – a mio modo di vedere – se non che ciò è gradito alla regia.

E nonostante non sembri, la mia analisi resta sempre e comunque errata.

TNEPD
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Mondart
0
 
 
E' quello che ho ipotizzato anch' io nel commento in fondo alla pagina ... e comunque non riesco a capirci niente. Staremo a vedere, ciao !
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar ws
0
 
 
C’è qualcosa che non quadra.

semplicemente sebbene i libici sappiano bene che la stragrande maggiorannza dei giornalisti sono spioni ( molti andavano in giro a "marcare" i bersagli ) in questo momento non hanno alcun interesse a liquidarli ma solo a neutralizzarli.

Analogamente questi spioni per ora si sono solo limitati a minacciare i " non embedded" ( e non certo un saef al islam scortatissimo .:-)) perche' non hanno ancora alcuna certezza di farla franca portando la pelle a casa.

sono mercenarii, mica eroi ..:-)
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar mat
0
 
 
da ANSA.... SIAMO AL RIDICOLO

LIBERATI I GIORNALISTI OSTAGGIO HOTEL RIXOS - Secondo quanto riporta l'emittente Al Arabiya le forze lealiste si stanno ritirando dall'hotel Rixos e la Croce Rossa inizierà a evacuare i giornalisti internazionali. I giornalisti internazionali stanno lasciando l'hotel Rixos dove erano bloccati da giorni. E' quanto riporta con un messaggio su Twitter Matthew Chance, l'inviato della Cnn che era nell'albergo. "Tutti i giornalisti sono usciti!": non nasconde la gioia su Twitter il cronista della Cnn che negli ultimi giorni ha testimoniato ora dopo ora la crisi dell'hotel Rixos. Nei suoi ultimi messaggi Chance ricostruisce gli eventi dell'ultima ora. "Alle 3.30 ore locali - scrive -: negoziamo con le guardie per il nostro rilascio. Dicono che possiamo uscire ma in piccoli gruppi". I suoi tweet raccontano poi l'attesa per le auto della Croce Rossa e della Bbc che arriveranno a prenderli, i nuovi momenti di tensione quando sono costretti a risalire le scale dentro l'hotel, la felicità dopo la liberazione. "Siamo rimasti rinchiusi - scrive il cronista - per quella che sembra un'eternità. Finalmente siamo fuori!"
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Ema
0
 
 
Dice siano stati rapiti 4 giornalisti italiani.
http://www.giornalettismo.com/archives/141211/libia-rapiti-quattro-giornalisti-italiani/

Da chi?
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Ema
0
 
 
AHAHAHA I 4 GIORNALISTI italiani rapiti sono in salute, e a dircelo è uno di loro: i rapitori, riporta Repubblica, sono ovviamente i lealisti, che come prima cosa avrebbero ucciso la guida dei 4, e come seconda mossa avrebbero permesso al giornalista di avvenire di chiamare casa per dire che stava bene.
Voglio sapere come la pensi Gianluca e se hai qualche info in più
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Gianluca Freda
0
 
 
Ho spento da ieri tutti i media occidentali e i siti che consulto non parlano della cosa. Da quel che leggo su Google si tratterebbe di giornalisti del "Corriere", della "Stampa" e di "Avvenire". Se la notizia fosse vera (sottolineo SE), auguro loro tanta, tanta buona fortuna.

(GF)
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Ema
0
 
 
Sai che penso io invece? Che sia vera eccome. Però è andata così: si sono accordati, o gli è stato detto di accordarsi, per fingere questo rapimento. Cui prodest: per i nostri governanti, da tempo malvisti riguardo alla missione in Libia, potrebbe essere una miccia su cui riaccendere tutto un patriottismo del cas(s)o, per far riavvicinare la gente attorno alla bandiera, sperando tutti assieme che tutto vada per il meglio. Eoltretutto la vicenda offre nuovi modi per prendersela col Colonnello.
Dimenticavo, ho detto che per me è vera ma non ho specificato che i rapitori non sono i lealisti, per me, ma i "ribelli" d'accordo con i giornalisti. Dai, gli han fatto fare addirittura subito una telefonata...
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Gianluca Freda
0
 
 
In effetti non vedo proprio cosa possano farsene i lealisti di quattro decoratori di carta igienica. By the way, per me la notizia merita un posto d'onore nella rubrica "Chi se ne fotte", a lato del blog.

(GF)
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Fedor79
0
 
 
Ma come “chissenefotte”! Abbiamo appena scoperto che a volte i sogni - seppur parzialmente - si avverano…
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Gianluca Freda
0
 
 
Sì, ma i miei sogni erano molto più ambiziosi... :D

(GF)
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Enorh
0
 
 
"I quattro giornalisti italiani sequestrati tra Zawiyah e Tripoli sono stati in principio fermati e rapinati da 'criminali comuni': lo ha detto Sky tg 24 precisando che dopo essere stati spogliati di tutto i quattro sono stati 'ceduti' alle milizie di Gheddafi. Gli inviati sono poi stati condotti in un luogo sconosciuto, e rinchiusi in una casa di campagna."
Ora... essendo famosa Tripoli per le sue vaste campagne, sarà difficile trovarli...
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Guy Fawkes
0
 
 
A non leggere i media mainstream, si perde il titolo del Corriere a tutta pagina "tripoli, forze lealiste al contrattacco" (senza ovviamente ulteriori dettagli nel prosieguo della pagina).

B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Gianluca Freda
+1
 
 
Beh, sai che notizia, è da domenica che stanno contrattaccando, senza che il Corriere lo scriva. Da quel che leggo spigolando qua e là, stanno facendo anche qualcosa di più che contraccare, qualcosa che ha il vago sentore di discreta strategia militare. Abbiamo davvero bisogno del Corriere per apprendere l'ovvio?

P.S.: Certo, il fatto che perfino il Corriere adesso lo ammetta è piuttosto significativo, lo riconosco.

(GF)
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Guy Fawkes
0
 
 
Devono pur cominciare a far retromarcina marcetta, prima di tornare a parlare dell'ondata di calore e di Parolisi (fino alla prossima "presa di tripoli" da parte dei "ribelli")
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Mondart
0
 
 
Che casino ...

Io ci rinuncio, anzi per meglio dire a questo punto me ne sbatto altamente di cercare di capirci qualcosa.

Un' ultima considerazione sola, anzi due:

1) Tutto questo girotondo di notizie e smentite, di balle mediatiche e mezze verità internettiane è ovviamente rivolto, quale propaganda, al popolo bue ( i vertici useranno pur canali privati e cifrati per comunicare tra loro ! ) ... ma il senso di tutte queste stramberie a raffica sinceramente mi sfugge. E mi sfugge perchè ci tengano tanto a farci sapere quello che stanno o non stanno facendo: anche l' ipotesi di utilizzo dei media per atterrire la popolazione locale a questo punto è troppo debole a spiegare la mole inaudita di fandonie: sembra che siamo davanti a qualcosa di inedito.

2) Bannare un utente o un ' intera zona geografica dall' accesso ad un sito o a un' intera altra zona geografica, è fattibile per un gestore di blog appena fuori dal comune che possa influire sui provider telefonici ( vero, CDC ? ). A maggior ragione deve essere fattibile senza alcun problema dalla maggior potenza politico-militare esistente. Se davvero si considerasse Internet un pericolo, quale occasione meglio di questa per impedirne l' uso con metodi "cinesi" ??? ... Ovviamente un bravo hacker sarebbe in grado di aggirare l' ostacolo, ma questo esula sia dalle capacità di un comune blogger che da quelle di un pur bravo ed alternativo giornalista.

Ergo: le voci dissidenti devono trapelare. A che pro ? Quien sabe ... non c'è nessuna logica in tutto questo ... si spara e si imprigionano quattro bastian contrari ( ma in modo che la cosa venga ampiamente risaputa ) quando sarebbe molto più comodo, pratico, sicuro impedir loro di comunicare, o bloccare l' accesso ai loro siti ... nel più completo silenzio.

A questo punto le incongruenze sono tali e tante che si potrebbe per esempio ipotizzare che anche internet stia venendo usato per una qualche forma di propaganda virale, o quant' altro ... ma è comunque tutto il casino nel suo complesso che manca di una qualsiasi logica ... a parte quella ovvia di prenderci per il culo.

Io ci rinuncio, e me ne vado solennemente a nanna. Ai posteri l' ardua sentenza.
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Guy Fawkes
0
 
 
1) Le balle mediatiche servono a far cadere dall'albero i frutti maturi (Ciad, Hamas) in modo da incrementare il riconoscimento internazione dell'ectoplasma CNT e isolare ancor di più il governo libico ormai "spacciato" (la popolazione libica non può essere terrorizzata da ciò che non legge, ed è fisicamente impossibile bovinizzare ulteriormente le opinioni pubbliche occidentali, che peraltro non hanno alcun mezzo di pressione per influire sulla guerra)

2) la verità viene comunque fuori perchè il diavolo fa le pentole e non i coperchi (come spiegava GF in un memorabile post di qualche tempo fa, assolutamente profetico), e perchè non c'è un solo interesse monolitico in gioco, ma diversi poteri contrapposti.
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Mondart
0
 
 
Sì sì, molto plausibile, questo non l' avevo considerato, grazie !
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Guy Fawkes
0
 
 
ho dimenticato l'intro alla mia reply: "just my 2c"
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar TNEPD
0
 
 
Qualcuno ricorda un reportage di guerra di uno dei quattro giornalisti italiani "rapiti"?

Perché io, più che fonti anonime del fantomatico CNT "riportate da Al Jazeera" non ricordo.

Ho spulciato il sito di Avvenire, rubrica Mondo, e non c'è un articolo sulla Libia a firma Claudio Monici da almeno cinque giorni. (Se qualcuno volesse verificare gli altri...)

Che ci faceva Monici in Libia? Guardava Al Jazeera?

:-)

TNEPD
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Guy Fawkes
0
 
 
Domenico Quirico fino a ieri era embedded ... ai "ribelli berberi"!:

http://www3.lastampa.it/esteri/sezioni/articolo/lstp/416666/

O l'hanno rapito loro, o l'hanno perso per strada mentre volgevano le chiappe a Tripoli.
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Guy Fawkes
0
 
 
La Rosaspina era a Madrid fino a luglio, a seguire le cronache rosa dei borbone.

Giuseppe Sarcina pubblicava oggi il seguente articolo:

La prof volontaria che aiuta i poveri con la scuola web
Inserita a Davos tra i «giovani influenti». I suoi corsi online insegnano il saper «concreto» da Kabul a Delhi


niente di pregresso sulla libia. si mormora abbia fatto una traversata ad aprile coi "profughi" tunisini fino a lampedusa.
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar TNEPD
0
 
 
Sarcina del Corriere, ieri, stava a Tunisi a copincollare frottole per sentito dire:

Fuoco dei cecchini sui bimbi

Oggi l'hanno "rapito" appena atterrato, lo aspettavano al check-in dell'aeroporto.

:-)

Mi sbaglio di sicuro.

TNEPD
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar gato
0
 
 
Ciao Gianluca, ti seguo da molto ma non ho mai commentato.
Questa sera girovagando mi sono imbatuto in questo:

Quando Gheddafi diceva ai leader arabi che sarebbero stati fatti fuori a uno a uno e quelli ridevano

Non sono mai stato un sostenitore di Ghedafi, ma spero che riesce a dare una lezione alla Nato.
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar albertbac
0
 
 
Anch'io ho fatto lo stesso sogno, solo che la scena era a piazza dei Re di Roma, e io prendevo a calci in culo Veltroni che cianciava di diritti umani...
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Gianluca Freda
0
 
 
Poco dopo le 17 di oggi è iniziato lo sbarco sulle coste di Tripoli della forza della NATO che condurrà l'attacco di terra. La vera battaglia per Tripoli inizia ora, o meglio era iniziata ieri sera con lo sbarco di altri 1000 mercenari che rappresentavano evidentemente una mera avanguardia.

"Mentre scrivo queste parole, Tripoli è attaccata da un massimo di 5.000 mercenari europei di compagnie militari private, Qatar e altri Paesi. Essi provengono dal mare. L’Operazione di terra della Nato in Libia, al contrario di tutte le precedenti rassicurazioni dei politici e del pubblico, è iniziata." [...]

(da gilguysparks.wordpress.com)
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar TNEPD
0
 
 
Tra un po' moriranno ancora Saif e Khamis...

TNEPD
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Carlo
0
 
 
Un esempio lampante del livello di menzogne sulla Libia:

Incredibili balle mediatiche - la BBC mostra la Piazza Verde in... India!

http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=R_-lzI8I0_0&gl=IT

Dedicato a quelli che ritengono la BBC una fonte attendibile.
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Gianluca Freda
0
 
 
Incredibile davvero...

(GF)
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar alexfaro
0
 
 
caro Gianluca questa è una piccola riflessione che mi è venuta oggi anche se Tripoli è(forse)perduta, la guerra non è ancora persa, mi permetto di farti osservare che il Fezzan posto al sud è ancora saldamente nelle mani(insieme a molte città sia piccole che medie) del fratello Muammar, il quale ha a disposizione ancora una buona metà delle sue forze armate, e la Libia è molto ma molto estesa(ca 1.800.000 kmq)ed in gran parte desertica mentre la sua popolazione è poco numerosa,senza i lavoratori stranieri che erano quasi 2 milioni, ora i residenti, saranno ca 5 milioni, ora mi e vi faccio una domandina semplice, in che cosa eccellono i combattenti Libici?ma nella guerriglia!(vi ricordate di Omar el Muktar?)il quale con pochissimi seguaci tenne in scacco una intera armata Italiana forte di 100.000 uomini x almeno 20 anni(dal 1911 al 1931)prima di essere tradito ed impiccato, però x eliminarlo i ns militari usarono i campi di concentramento ,l'aviazione, il gas, e tutto l'armamentario di un esercito x allora modernissimo, contro pochi uomini che si muovevano a piedi o a cavallo, come i "pesci nell'acqua"protetti dalla popolazione civile che allora era scarsa alquanto.
qualcuno dirà ma i tempi sono cambiati ora c'è la tecnologia, ebbene io vi rispondo, conoscete la storia del POLISARIO?orbene questo movimento tiene in scacco da ormai 30anni l'esercito Marocchino, che vi assicuro è forse uno dei migliori dell'africa Magrebina, in un territorio molto meno esteso della Libia,infatti il Sahara occidentale ha una sup. di ca 252.000 kmq,
quindi penso che sicuramente il colonnello,visto che è beduino ma non cretino in tutti questi anni abbia costruito dei rifugi, x i soldati e dei depositi di armi,munizioni,viveri, carburanti,veicoli e ricambi x gli stessi,posti in luoghi segreti ed inacessibili e sparpagliati in funzione della guerra totale,come era stato fatto da Tito in Jugoslavia(prima della disintegrazione di quest'ultima)in modo da condurre una lunga ed estenuante guerriglia(contro i cd"ratti di fogna")ora vi faccio un'altra domanda molto semplice, qunto potrà durare(se mai riuscissero a formarlo),un governo, formato da tutte queste anime del cd CNT, visto che mentre la guerra civile è ancora al suo apice, già sono cominciate le faide al suo interno?(vds il caso del gen. Younes)altro quesito,prima della guerra il PIL Libico era di ca /14.000(con sanità, istruzione, assistenza ed energia erano gratuite, mentre la casa, i trasporti, e i carburanti quasi gratis) ora dopo ben 7 mesi di guerra(e 5 di bombardamenti indiscriminati, quasi 20.000 attacchi aerei)quasi tutte le infrastrutture,sopratutto della Tripolitania, sia civili che industriali, ed anche di comunicazione sono distrutte, quindi ci vorranno almeno 2 o 3 anni x ricostruirle, e chi pagherà?la risposta è una sola i Libici,ora secondo voi quanto tempo ci metterà il semplice cittadino Libico
il quale ricorda che mentre sotto la "sanguinaria dittatura" di Gheddafi era tutto quasi gratis mentre ora deve pagare anche l'aria che respira, ripeto quanto ci metterà a rimpiangere l'età dell'oro del colonnello?allora faccio una ipotesi, secondo me tempo un anno(se naturalmente il CNT riuscirà a formare un governo che riesca a funzionare)al massimo 2 vedrete che il "fratello" Muammar ritornerà al potere(se non muore prima)in mezzo al tripudio generale.
un saluto alexfaro
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar gabril
+1
 
 
infatti non capisco tutto questo odio verso il fratello mu' mmar... la libia era il paese più sviluppato dell'africa ed ora i cari imperialisti lo hanno trasformato in una specie di burkina faso (rispetto per il burkina, eh)
senza contare tutte le morti causate dai bombardamenti, la perdita di LJBC, la tv libica, dei giornalisti, ospedali.... ci voranno almeno 6 anni prima che la nuova libia sia almeno vivibile... e poi... Se davvero fosse stato questo regime sanguinario come ce lo descrivono, perchè non è crollato subito? l'URSS è resistita per tanto tempo grazie alla paura per la bomba atomica ma in libia? forse c'era ALTO ASSENSO?? mah, so che qui i paesi che sbandierano la pace e la democrazia sono soltanto dei maledetti imperialisti... sui bombardamenti anche il papa poteva dire qualcosa no? pure lui, buono solo a dire le solite cazzatelle e poi la realtà neanche la tocca!!
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Gianluca Freda
+1
 
 
Purtroppo la Libia sembra in questo momento dirigersi verso una situazione di guerra civile permanente, che è proprio ciò che gli aggressori desiderano per condurre meglio i propri affari. Si va verso uno scenario irakeno, in cui le rivalità delle varie tribù, inasprite dagli eventi degli ultimi mesi, verranno attizzate dai servizi segreti per mantenere il paese in una condizione d'instabilità politica duratura. Non credo che a questo punto la guerriglia, condotta dall'entourage di Gheddafi o da altri, possa invertire questa situazione, semmai la favorirebbe. O qualcosa cambia drasticamente di qui a poche ore, oppure possiamo considerare già la Libia l'ennesimo stato sovrano riportato all'età della pietra dai ratti d'occidente.

(GF)
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar pa
0
 
 
ecco cosa pensa Meyssan dei giornalisti che fanno propaganda di guerra
http://www.voltairenet.org/Les-journalistes-qui-pratiquent-la
pa
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar pa
0
 
 
estratto dall'ultimo articolo di F. Lamb :
"Un rappresentante dei media dei ribelli che è tornato dalla parte del regime di Gheddafi è stato intervistato da un giornalista questo pomeriggio. Ci ha detto che gli uffici della NATO a Napoli stanno scrivendo o controllando tutte le comunicazioni del CNT e che hanno tra il personale gli specialisti di guerra psicologica del Ministero della Difesa israeliano che stanno provocando “panico con i volantini e gli SMS ai cellulari”, oltre a diffondere false informazioni nei momenti chiave per ottenere il massimo impatto sull’opinione pubblica locale e internazionale."
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Farazdaq82
0
 
 
In effetti ,grazie alla super tecnologia occidentale, è facile vincere le guerre, ma è difficile "vincere" la pace ( Iraq ed Afghanistan ne sono una riprova ). Tuttavia bisogna considerare che all'Occidente non interessa conquistare i paesi del terzo mondo , ma impedire loro di sfruttare le proprie risorse al di fuori degli schemi occidentali ( come per anni ha fatto la Libia ). Quindi che facciano pure la loro guerriglia ( ed eventualmente la vincano pure ), purchè sia abbastanza lunga da permettere ai "signori della terra" di arricchirsi a discapito della popolazione.
Da questo punto di vista, persino il Vietnam è stato un successo !
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar silvio
0
 
 
Gianluca ma la pagliacciata dei giornalisti liberati? cosa ne pensi?
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Gianluca Freda
+1
 
 
Immagino sia un diversivo, studiato apposta per parlare di idiozie e coprire qualcos'altro. Cosa sia questo qualcos'altro non saprei dire, forse il fatto che Tripoli, in questo momento, è occupata da mercenari NATO in piena regola, tra cui moltissimi contractors francesi (ormai lo ammettono tra le righe tutti i giornali, sia pur affermando che le truppe NATO sono "in appoggio" ai ribelli). In realtà i famosi "ribelli", quelli che sono sbarcati sulle coste di Tripoli nella prima ondata, sono stati in massima parte già arrestati e/o accoppati negli ultimi due giorni. Chi realmente sta occupando Tripoli sono 5000 unità della NATO sbarcate tra stanotte e la notte scorsa, con un'ennesima (sebbene ampiamente prevista) violazione del mandato della risoluzione 1973 dell'ONU.

(GF)
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Enorh
0
 
 
aNCHE PEGGIO
The truth about Libya - ??????? ?? ??? ????? http://www.facebook.com/TheTruthAboutLibya?sk=wall
We are ready to accept death now. NATO bombs with cluster bombs from F-16.Many dead.The rebels kill anyone that is on a list with pro-gaddafi people.We killed 2 rapists and saved a girl last night behing enemy lines. A lot of not Libyans in the ranks of rebels. White like Norvegian.
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Gianluca Freda
0
 
 
"White like Norwegian. "

Sono contractors francesi e in parte inglesi.

(GF)
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Guy Fawkes
0
 
 
White like Norvegian.

Cloni di Breivik? :-)

B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Carlo
0
 
 
Ormai i media non hanno più nessun pudore - non su curano nemmeno di evitare le contraddizioni in un singolo articolo. Dal Corriere:

LINK

1. IL RACCONTO DI QUIRICO e MONICI: "C'era l'esercito libico, l'autista non poteva fare retromarcia e ci siamo dovuti fermare. Ci hanno spinto fuori dalla macchina. Ci hanno chiesto chi eravamo, cosa volevamo..."

2. IL RACCONTO DI SARCINA: "I rapitori non erano soldati regolari, ma neanche civili, erano miliziani» ...."

3. IL RAPIMENTO: "I quattro inviati, Elisabetta Rosaspina e Giuseppe Sarcina del Corriere della Sera, Domenico Quirico della Stampa e Claudio Monici di Avvenire stavano viaggiando sulla stessa auto tra Zawiyah e Tripoli quando un gruppo di civili li ha bloccati uccidendo l'autista che li accompagnava."

Ditemi voi cosa si può capire da questo articolo demenziale - sono stati i soldati libici, i miliziani o dei civili?

Probabilmente viene lasciata fuori ad arte l'unica ipotesi valida: i ribelli tagliagole.
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Arbogaste
0
 
 
Incredibile, la verità comunque esce fuori:

LINK

W i Nostri (i Lealisti) !!!!!!
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Arbogaste
0
 
 
Non si potrebbe assumere qualche esperto di vodoo per far fuori La Russa? L'ultima difficoltà sarebbe farne un pupazzo... chi più di lui?

LINK

W l'Italia
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Guy Fawkes
0
 
 
Mi chiedo (e chiedo agli esperti di militaria) se bastino 5000 mercenari a spazzar via le forze regolari libiche. Anche se appoggiati dall'aria, non penso dispongano di mezzi corazzati ed artiglieria pesante. Tripoli non è il sud dell'Irak, infilarsi in una battaglia casa per casa equivarrebbe a una nuova Stalingrado. E poi, una volta presa la città? Il resto del milione di kmq di sabbia in cui gli italiani son finiti inchiodati per trent'anni contro beduini a cavallo, chi lo occupa?

In ogni caso, le fonti non-MSM danno i lealisti in risposta furiosa (oltre 1.000 ratti "purgati"), beduini in soccorso delle forze regolari e addirittura 3.000 miliziani algerini sconfinati a dare manforte (penso che Algeri sappia chi è il prossimo birillo nell'area).
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Gianluca Freda
0
 
 
No, non bastano, e infatti molte zone di Tripoli, da Abu Slim, ad Aziziya, alla stessa Piazza Verde sono ancora sotto il controllo dei lealisti. Bisognerebbe però capire quante truppe regolari libiche siano effettivamente rimaste a Tripoli (al di là delle sparate di Gheddafi) e soprattutto cosa abbiano veramente intenzione di fare tanto le truppe rimaste in città quanto quelle arrivate da fuori.

(GF)
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar federico
0
 
 
altre fonti non mainstream addirittura parlano di scontri tra eserciti libico e della Tunisia al confine di quest'ultima, quale mossa per estendere il teatro di guerra in modo da sfiancare lo schieramento della NATO
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Arbogaste
0
 
 
E' peccato mortale per 'la russa' pensare un po' più all'Italia... meglio sperperare i nostri soldi per gli accattoni figuranti... TRADITORE DELLA PATRIA!!!

LINK

1,6 milioni di euro per chi dà un calcione nel fondo schiena del vigliacco!!!!!!!!!!

B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Gianluca Freda
0
 
 
"1,6 milioni di euro per chi dà un calcione nel fondo schiena del vigliacco!!!!!!!!!! "

Esagerato! Io glielo darei anche gratis, anzi, sarei disposto a pagare qualcosa... :)

(GF)
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Gianluca Freda
0
 
 
Telesur:

Forti combattimenti presso l'Hotel Corinthia di Tripoli



Forti combattimenti sono stati segnalati giovedi nelle vicinanze dell'hotel Corinthia, al centro di Tripoli, dove sono alloggiati i giornalisti stranieri, ha detto l'inviato speciale di Telesur in Libia, Rolando Segura, che ha riferito di aver vissuto momenti di tensione.

"In questo momento ci sono pesanti combattimenti (in prossimità dell') Hotel Corinthia", ha detto Segura, aggiungendo che i giornalisti si stanno muovendo in diverse zone della struttura in cui sono al riparo dalle raffiche.

Le immagini in diretta provenienti da Tripoli mostrano i gruppi armati del Consiglio nazionale di transizione (CNT) che sparano con le armi dentro gli edifici.

"I giornalisti hanno lasciato le camere e si sono rifugiati in diversi punti che sono stati improvvisati in hotel", ha detto Segura.

Ha riferito che la situazione si sta verificando in un momento in cui il CNT aveva detto che "la maggior parte di Tripoli era controllata dai ribelli."

(GF)
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Pietro Eremita
0
 
 
Cazzari = Khazari ?

Allora torna tutto.
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Farazdaq82
0
 
 
Commento di Quirico dopo la liberazione :"Adesso sto bene, fino a un'ora fa pensavo di essere morto". "Ci hanno salvato due libici, due ragazzi a cui dobbiamo tutto. Due giovani che in teoria non stavano dalla parte giusta".
Nemmeno ti hanno liberato che già gli sputi addosso !
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar elleerre
0
 
 
Che verme...
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar kayuz
0
 
 
potesse anda.. a'mmori mazzato!!!!
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Giovanni
0
 
 
un'altra da prendere sarebbe Gabriella Simoni di studio aperto, senza vergogna
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar pa
0
 
 
Le Réseau Voltaire dénonce la tentative d’arrestation de Thierry Meyssan par les rebelles

Réseau Voltaire, jeudi 25 août 2011, 14h25 GMT - Les journalistes bloqués à l’intérieur de l’hôtel Rixos de Tripoli depuis dimanche ont pu être évacués par la Croix Rouge Internationale, mercredi 24 août 2011 à 17 heures. Les quatre collaborateurs du Réseau Voltaire, les journalistes Thierry Meyssan, Mahdi Darius Nazemroaya, Mathieu Ozanon et Julien Teil, étaient bien parmi eux.

Cependant, lors de sa sortie, des rebelles ont tenté d’arrêter Thierry Meyssan, connu pour ses articles dénonçant les crimes de l’OTAN. La Croix Rouge Internationale a empêché cette arrestation.

Les journalistes ont été conduits dans un autre hôtel, mais ils ne sont plus protégés par la Croix Rouge Internationale.

Les journalistes n’ont pas pu, pour le moment, rejoindre le bateau de l’Organisation internationale pour les migrations (OIM) qui aurait accosté à Tripoli.

Le Réseau Voltaire est extrêmement préoccupé de l’attitude des rebelles à l’égard de ses journalistes. Il lance un appel à la communauté internationale pour que ses journalistes soient protégés et puissent quitter la Libye sains et saufs.
pa
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar sal
+1
 
 
per tutti i commentatori atei, bisogna arrendersi all'evidenza, il dio padre di tutte le menzogne, omicida sin dall'inizio manifesta nella nostra epoca tutta la propria potenza, di conseguenza nessuno può ritenersi ateo quando assistiamo all'opera di satana.
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar elleerre
0
 
 
In effetti è una delle spiegazioni più razionali che ho sentito in questi giorni riguardo a questo casino orrendo.
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *