Crea sito
Home Blog sezione Politica italiana PROFILASSI CONTRO GLI INSETTI
Per pubblicare commenti, notizie, opinioni, invettive scrivete a:
[email protected]

 
PROFILASSI CONTRO GLI INSETTI PDF Stampa E-mail
Scritto da Gianluca Freda   
Venerdì 02 Novembre 2012 23:11

lord

 

La lettrice Lucia ha scritto nei commenti:

Caro Gianluca, E chi dovrebbe procurarci i cingolati? L’Iran, che forse fa bene a tenerli pronti in casa? La Russia o la Cina? Altri volontari disinteressati? E i nostri “alleati” come reagirebbero? Lascerebbero fare?

Non bastano gli esempi di coglioni che stringono accordi con “Potenze straniere” per il comune interesse di cambiare un governo? E con cosa si ritrovano? Il Paese distrutto, che vuol dire povertà vera per generazioni intere, quindi una ancora maggiore predisposizione all’asservimento, e morti, tanti morti. E i morti, quando sono - con tutti i loro limiti e miserie - i tuoi, sono la disperazione più totale e più nera, quel dolore che attorciglia le viscere, e non passa, per quanto sbatti la testa contro un muro, o ti anestetizzi con ogni sorta di porcheria. Non torneranno indietro, non li riavrai MAI più. Per non parlare di invalidi permanenti (pensa che bello, la tua bellissima bambina di 4 anni sfigurata per sempre dal fosforo, con le braccia amputate per evitane la morte quando si opera in condizioni disperate). No, a fare entrare i cingolati non sai come va a finire.

Purtroppo, finché avremo bisogno di una guida che sappia mettersi in vista (ovvero ne abbia i mezzi), finché abbracceremo qualcosa solo se prima di noi lo hanno già fatto in tanti, allora non possiamo sperare in un governo equo, non con la coscienza umana ridotta com’è oggi.

Ma che ti è successo? Il primo articolo tuo che lessi lo ricordo ancora sorridendo, era quello sul terrorista con la dinamite nelle mutande. Avevo riso, leggendo da sola, fino alle lacrime. Il modo in cui evidenziavi l’incredibile credulità della gente, criticavi il comportamento, e riuscivi a deridere senza offendere.

Poi pian piano sei cambiato, fino a diventare talmente offensivo da risultare sgradevole alla lettura. L’articolo sul Costa Concordia era quasi vomitevole, un giudice che sembra convinto di appartenere ad una razza superiore e disprezza, con parole veramente cattive e con giudizi un po’ superficiali, “la massa”. Che poi, sempre tutti a disprezzare la massa, il popolino, il popolo bue, come se non ne facessero parte, la massa sono sempre gli altri. Sembra una delle tante varianti della malattia di quelli che fan la gara a chi ha l’auto più costosa credendo di distinguersi, o che venderebbero la madre per una comparsata in TV, sempre per distinguersi in qualche modo dal “gregge”.

Non capisco se è delusione, amarezza, ma finisci col diventare a tua volta cieco, come quando incolpi i giovani per il calo del livello dell’istruzione. Da giovani (molto giovani) non si ha un gran potere sulle scelte del paese, forse i complici dei colpevoli sono stati i genitori di questi giovani.

Be, scusa se mi son permessa, non so nemmeno io perché desideravo dirti queste cose, forse perché mi manca il Freda di qualche tempo fa, e mi dispiare.Era tutta un’altra cosa, prova a rileggerti, articoli di allora e di oggi.


 

Gentile lettrice, posso dirle questo:

su questo blog, nei rari momenti in cui ho ancora tempo e voglia di scriverci, sto cercando di descrivere la situazione politica, nazionale e internazionale, in cui siamo impantanati. Sto cercando – per quanto mi sia possibile farlo con le scarne nozioni che ho appreso in questi anni – di immaginare le sue possibili (e probabili) evoluzioni. Sto cercando anche di presentare, nel modo più realistico possibile e senza lasciare troppo spazio a voli pindarici di fantasia, le possibili vie di fuga, rifacendomi ai meccanismi storici con i quali situazioni di impasse geopolitica simili a quella che andiamo oggi osservando hanno infine trovato il loro scioglimento.

 

Mi spiace che tutto ciò risulti a volte meno divertente degli articoli più distesi che scrivevo un tempo. Ma mettermi il naso a palla e il cappello a cono mentre eseguo la quotidiana conta dei cadaveri mi sembra poco utile alla mansione, oltre che poco rispettoso verso i trapassati. Capisco bene che in tempi cupi si senta il bisogno di ridere. Ma rivolgersi a comici e barzellettieri per riempire un vuoto che è esclusivamente politico – e che necessita dunque di teorizzazione politica e di azione politica ad essa conseguente per essere colmato - non è un’idea felice; come gli ultimi vent’anni hanno già dimostrato (governo dei barzellettieri da crociera) e come i prossimi verosimilmente dimostreranno (dissoluzione totale di ogni rimasuglio di pratica politica ad opera di cabarettisti blogghettari). Chi in una simile situazione senta il desiderio di assumere droghe euforizzanti, ha l’imbarazzo della scelta e si assume la responsabilità delle sue azioni. Io, quando posso, ormai evito di vendere soma. O se proprio devo venderlo, fornisco all’avventore anche la necessaria dose di antidoto.

 

Altrettanto inutile mi sembra il voler a tutti i costi ricondurre nell’alveo del personalismo e dell’emotività puerile una pratica di scrittura che mi sforzo, nei ristretti limiti in cui ciò mi è caratterialmente possibile, di mantenere oggettiva e descrittiva. Io cerco di descrivere in che modo, verosimilmente, la situazione che stiamo attraversando troverà la sua via di sbocco. Cerco di spiegare che – in linea puramente speculativa, visto che siamo un miliardo di miglia lontani dall’obiettivo - i cingolati sarebbe meglio imparare a guidarli e schierarli, prima che arrivino da soli a scorrazzare comunque sulle nostre tibie, come sempre è accaduto e come non è del tutto inverosimile che accada anche in quest’occasione. E che in ogni caso, a prescindere dall’identità dei carristi, è con i cingolati che si uscirà dall’attuale pantano, sempre ammesso che se ne esca in tempi storici ragionevoli. Mi si prospettano, di contrappunto, le immagini di montagne di cadaveri, d’infanti straziati dal fosforo, nonché il fatidico “cosa-faresti-se-fosse-tua-figlia/tua-moglie/tuo-cugino”.

Se mio cugino cascasse dalla torre di Pisa, mi spiacerebbe assai. Ma questo non mi spinge a negare le leggi di caduta dei gravi. Semmai mi spinge a spiegarle e descriverle con la massima chiarezza possibile, affinché si possa comprenderne il funzionamento ed imparare eventualmente ad averne ragione, prima che siano esse ad aver ragione del mio povero cugino. Di morti sfrittellati e schiamazzati giù dalla torre ne vedo già tanti intorno a me, e non li ho certo uccisi io col cinismo. Quindi, nell’interesse della parentela di secondo grado, è meglio affrettarsi. Se tale impresa non giova al buonumore, rivolgersi altrove, prego. I vaudeville sono aperti fino a tardi e le Bluebells sfoggiano garretti da sogno.

 

Per ciò che riguarda le masse, non credo di averle mai offese, per il semplice fatto che non credo alla loro esistenza. Non ho mai visto, in vita mia, una massa, se non al cinema o nei reportage sull’Area 51. Ho esperienza solo di individui singoli, molti dei quali (ahimé) cretini e spregevoli; parecchi insulsi e trascurabili; altri degnissimi e meritevolissimi. Questi ultimi non sono granché diffusi, devo ammetterlo, ma per definizione nulla che dia senso alla vita lo è, quindi è così che devono andare le cose. Sto solo cercando di spiegare che le masse, non esistendo, non sono in grado di modificare un bel nulla, checché ne dicano i fumetti e gli sceneggiati su Robespierre. Sui singoli individui cretini e spregevoli (da me indicati anche con i lemmi “plebe” e “plebaglia”) non c’è ovviamente da contare per un cambiamento, come nemmeno sugli insulsi. Sono loro quelli che “stringono accordi con potenze straniere” al solo scopo di ottenerne prebende individuali, senza avere in testa neppure l’ombra di un progetto politico nazionale. Rimangono i meritevoli, ovvero quella ridotta frazione di essi che abbia voglia di abbandonare i miti e le leggende imbecilli sulle “masse che cambiano il destino” e che possieda invece (o voglia sforzarsi di acquisire) le qualità essenziali per costituirsi in elite.

 

Tali qualità sono innumerevoli e se ne può discutere all’infinito (si fa forse perfino prima ad acquisirle che a discuterne), ma tutte hanno la propria scaturigine in un atteggiamento fondamentale, che segna la vera e propria linea di transizione tra una classe dirigente e la plebaglia che ne attua inconsapevolmente le direttive. Questo atteggiamento consiste nel valutare la realtà per ciò che è, nel deporre tutte le armi dell’ideologia, nel perseguire il proprio utile nella prospettiva del contatto diretto con le cose, lasciando alle comari i giudizi moralistici e i miserabili pettegolezzi da cortile. Nietzsche avrebbe forse detto: consiste nel saper andare al di là del bene e del male.

La plebaglia la riconosci dal fatto che trasforma in moralismo qualsiasi campo dello scibile. E’ esattamente questo che la marchia a fuoco quale plebaglia, sceverandola dalle classi dirigenti. E' esattamente questo che la definisce nel suo stato di perenne subordinazione.

La plebaglia crede di parlare di politica, ma in realtà ciò che vuole dire è che Tizio è corrotto, Caio prende tangenti, Sempronio organizza festini hard nella sua villa di Boscotrecase. La morale beghina della massaia analfabeta con gli occhi pesti dalle botte è tutto ciò che comprende e ad essa riporta l’intera cosmogonia universale.

La plebaglia finge di parlare di informazione, ma in realtà ciò che vuole conoscere sono i maneggi delle starlet, gli amorazzi dei potenti, pure le macchinazioni e gli intrighi della politica, al limite, ma non per comprendere i meccanismi di base della conquista e dell’amministrazione del potere, bensì al solo scopo di poter puntare il ditaccio tozzo e bisunto contro i volti del teleschermo e poter sentenziare: quello è becco, quell’altro è ladro, quell’altro se la fa con la cugina della zia di sua nuora.

La plebaglia s’interessa di storia al solo scopo di poter farfugliare, tra i dentacci neri e radi, che Ìtle era il male assoluto©, che Stàli era un dittatore sancuinario©, mentre Gàndi, lui sì, esimio ingegnere, l’ho visto ieri sul libro di geologia di mio nipote, vedesse che aria distinta, che gran brav’uomo.

Perfino le scienze esatte vengono piegate da questi miserabili all’ipocrita precettistica gesuita che presiede ad ogni loro pensiero. Quando proclamano, con malcelato orgoglio di novelli Keplero, che la Terra gira intorno al Sole, non lo fanno perché gli interessino il moto dell’universo o dei pianeti. Se gli interessassero davvero, scoprirebbero che il moto della Terra intorno al Sole è molto meno dimostrabile di quanto essi possano immaginare. Ciò che gli interessa è dimostrare che noi siamo er mejo che l’evoluzione umana abbia prodotto, perché noi, signore e signori, sappiamo che la Terra gira intorno al coso, come si chiama, il sole, mica come nel medioevo, mica come quei trogloditi di Aristotele, Virgilio, Sant’Agostino, Dante, Petrarca, che neanche avevano mai sentito parlare di Megan Fox.

 

Ora, se per pura ipotesi dovessimo decidere di preferire la fermezza del ceto dirigente consapevole all’acquiescenza moraleggiante della plebe, allora occorrerà disimparare, dal principio alla fine, tutto ciò che credevamo di sapere o di avere imparato, tutti i princìpi su cui abbiamo fondato la nostra percezione del mondo, tutti i punti di riferimento che ritenevamo acquisiti. Ognuno stabilisca se possiede il coraggio per questa impresa. Eventualmente, faccia sapere fino a che punto di revisione del proprio universo mentale è disposto a spingersi, e poi non disturbi coloro che hanno intenzione di spingersi oltre. Se non se la sente, che vada per la sua strada, senza fare troppo rumore. Occorre radere al suolo ogni centimetro della casa che avevamo creduto di amare e disporci ad edificare su ogni frammento di terra sgombrato dalle macerie nuove architravi di pensiero. Nietzsche credo avrebbe detto: “Tu vai per il sentiero della grandezza: ora bisogna che il tuo coraggio migliore consista nel non esserci alle tue spalle più alcun altro sentiero”.  Oppure anche: “Io amo coloro che non vogliono conservare se stessi. Coloro che tramontano, io li amo con tutto il mio amore, perché passano all’altra riva”.

Io ritengo che potremmo porre il confine tra classe dirigente (da riedificare) e plebaglia anche al livello in cui in un intelletto umano, casualmente scelto tra la moltitudine, ha luogo la piena comprensione di queste parole.

Commenti

avatar ws
0
 
 
mi si permetta di dire che sia freda che la lettrice lucia colgono una parte della verita' ,e questo probabilmente perche'' attraversano stati emotivi diversi , freda perche' vede la merda che sale e la signora lucia perche' con una figlia di 4 anni ha il dovere di pensare comunque positivo.
Si "la plebe" e in genere quella cosa poco pregevole che descrive freda , eppure la " plebe" di strada ne ha fatta per arrivare a quei diritti che stiamo perdendo., purtroppo una strada di sangue e per colpa di se stessa, come dice freda .
Consiglio quindi a tutti di leggere sempre attentamente la storia ad esempio di meditare su questa pagina
http://it.wikipedia.org/wiki/Comune_di_Parigi_%281871%29
con le sue migliaia di spesso sconosciuti eroi ed eroine vere " femministe"( es http://it.wikipedia.org/wiki/Louise_Michel ). Loro non erano " plebe" caro Freda ed e' grazie a costoro che abbiamo potuto non essere " plebe" per qualche generazione,
E quando saremo tornati indietro fino al punto della loro rabbia e della loro disperazione spero che quella loro storia ci servira' , se non a altro ,spero, a non ripetere gli errori di questi ultimi decenni.

PS: io non sono mai stato "comunista" ( perlomeno nel senso italico del termine :-)) ma non sono mai stato nemmeno uno membro scemo della " plebe" ...( e credo proprio che le due cose abbiano un nesso :-)) e quindi penso che trovandomi nel 1871 a parigi sarei finito fucilato anchio al Père Lachaise.
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Gianluca Freda
0
 
 
E' vero, non erano plebe. Tra di loro c'erano intellettuali come Flourens e Pyat, uomini delle società segrete come Delescluze e Eudes, rampolli di consiglieri prefettizi come Rigault, attivisti politici intrisi di proudhonismo come Varlin... Un'eccellente classe dirigente in potenza, che seppe approfittare con astuzia della situazione politica favorevole creatasi con la guerra franco-prussiana; ma che purtroppo sbagliò clamorosamente nella valutazione delle dinamiche, credendo che le fasi della Rivoluzione del 1789 si sarebbero ripetute senza sostanziali differenze. Questo fu il loro errore fatale. Per questo è essenziale che chi aspira ad una mutazione politica calibri di momento in momento la propria azione sui caratteri specifici dello scenario concreto che ha intorno. Ciò che si vede in Italia, invece, è una masnada di cerebrolesi che ragiona ancora con categorie di settanta/cento anni fa, quando va bene. Se la Comune fallì, figuriamoci se questi hanno la minima speranza anche soltanto di iniziare a costruire qualcosa. Per costruire bisognerebbe prima capire.
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar michele
0
 
 
paese di santi ed eroi,caro gianluca,x avvalorare i propri convincimenti presso terzi...oggi c'è la verità assoluta formato elettronico,wikipedia.......la nuova bibbia storica........
è assolutamente demenziale ed incredibile che persone frequentanti la cosiddetta informazione alternativa non abbiano ancora capito..........che continuano a turlupinarci.
non hanno ancora capito che la storia e la percezione della realtà è manipolata.
possibile mai che si cominci a ragionare con la propria testa???
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar D.
0
 
 
Sto cercando di insegnare a mio figlio a pensare con la propria testa, e di offrirgli gli strumenti culturali per farlo. "Resterà disoccupato! Fagli studiare cose tecniche così trova lavoro!" Frega cazzi. Non lo priverò del dono umano più prezioso, la capacità di giudizio, per farlo diventare un servo ben sfruttabile.
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Mario Monticelli
0
 
 
La rivoluzione Russa è falllita quando i plebei sono andati al comando............ Freda, Lei ha ragione, però sotituire la Borghesia di serie A con quella di serie B non è una soluzione. È revanchismo piccolo borghese. Forse non ho letto tutti i Suoi articoli, ma Lei cosa propone? Cambiare solamente classe dirigente, mantenedo lo sfrutamento del lavoro manuale ed intellettuale, la circoalzione monetaria, l'accumulazione capitalistica, e tutte le altre porcherie?

Mario
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Aldo
0
 
 
Però l'articolo sul terrorista con la dinamite nelle mutande era prprio una bomba!!!
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Gianluca Freda
0
 
 
Sì, ma non era mio; era una mia traduzione di un articolo di Mike Adams.
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Alverman
0
 
 
Bentornato FREDA!!!
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Freeman
0
 
 
P.S.: a proposito di "popolo bue", che ne pensi di questo?

http://goofynomics.blogspot.it/2012/11/piccoli-prodi-friniscono.html
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Gianluca Freda
0
 
 
Penso che Bagnai sprechi troppe parole. Personalmente, già non nutro la minima fiducia in un movimento che si dica "democratico", essendo la cosiddetta "democrazia" null'altro che un'imposizione vessatoria dei vincitori dell'ultimo conflitto mondiale; un'imposizione che sarebbe bello, prima o dopo, togliersi dai piedi anziché persistere nell'ossequio. Figuriamoci, poi, se mi fido di gente che si proclama "democratica" e poi viene a spiegarti che sta prendendo per il culo il popolo, sì, ma per il suo bene. Una prece.
Tra l'altro, non so se sono l'unico ad avere la memoria lunga, ma di partiti fondati sull'"abbasso i partiti- viva l'onestà - Roma ladrona - tutti sono ladri tranne noi" e via cantilenando, ne abbiamo già visti una pletora negli ultimi vent'anni e dovremmo dunque avere ormai capito a che cosa servono e a cosa portano. Dopo vent'anni di nulla, sarebbe bello veder risorgere dalle ceneri della società italiana un gruppo che fondi il proprio attivismo su una visione politico-teorica di qualche solidità, non i soliti, insopportabili masanielli fritti e rifritti. Ma campa cavallo...

(GF)
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Freeman
0
 
 
Il mio "P.S." era motivato dall'aver scritto in precedenza un commento piuttosto articolato (e pessimistico), deve essersi perso nella garçonnière della moderazione :D

In sostanza, mi dicevo sfinito e stanco di lottare, forse pronto a sottomettermi, buon Winston Smith, ad un sistema che si sta dimostrando invincibile. If you can't beat 'em...
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Gianluca Freda
0
 
 
Allora è un bene che si sia perso... :-D
Scherzi a parte, credo che tu l'abbia scritto direttamente nella casella dei commenti del sito, la quale memorizza gli scritti solo per breve tempo. Se non li si posta entro qualche minuto, vanno perduti, anche se il messaggio che si riceve fa pensare che sia tutto a posto.
Per questo, se dovete inviare qualche messaggio lungo e articolato, è meglio che lo scriviate prima su un foglio word e poi lo copiaincolliate nella casella dei commenti.
Up with life, anyway. :-D
(GF)
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar Anonimo
0
 
 
Ciao Freda, bentornato!
Visto che hai esperienza da latitante... non è che sai qualcosa del sito Gilguispark e del perchè latita da circa la stessa data di quando te ne andasti tu?
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar emerich
0
 
 
oh finalmente Freda , non ci speravo più......eri emigrato ?
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar alessandro
0
 
 
gianlucaaa dai cazzoooo! torna che sei il number one !!!
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar tommaso baldi
0
 
 
Ciao Gianluca a quando un articolo sulla Siria che sta facendo il culo a gli islamisti armati dai soliti noti?

Saluti
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar tommaso baldi
0
 
 
ti segnalo articolo x spunto http://europeanphoenix.it/component/content/article/8-internazionale-/410-il-wahhabismo-cavallo-di-troia-dei-wasp-nella-loro-conquista-del-mondo-arabo

saluti
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
avatar ernesto
0
 
 
a buon intenditor...

"rivolgersi a comici e barzellettieri per riempire un vuoto che è esclusivamente politico – e che necessita dunque di teorizzazione politica e di azione politica ad essa conseguente per essere colmato - non è un’idea felice; come gli ultimi vent’anni hanno già dimostrato (governo dei barzellettieri da crociera) e come i prossimi verosimilmente dimostreranno (dissoluzione totale di ogni rimasuglio di pratica politica ad opera di cabarettisti blogghettari)."
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Cancella
B
i
u
Quote
Code
List
List item
URL
Nome *
Code   
ChronoComments by Joomla Professional Solutions
Invia commento
Ultimo aggiornamento Sabato 08 Giugno 2013 19:38
 

YOOholidays-tonicopi

Copyright © 2014 Blogghete!. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
 

Ricerca articoli per categorie



       
RUSSIA TODAY IN DIRETTA


Siti







       
Ancora un po’ di ketchup,

Miss Neda?   
(clicca per scoprire il trucco)



       
Il ruolo di Israele negli attentati dell'11/9